IT / EN

Il giusto pneumatico può cambiare tutto

05/07/2013

Gli pneumatici sono il solo elemento che collega i macchinari agricoli al suolo. Per questo il loro ruolo, in un’agricoltura che chiede sempre di più ai terreni e alle risorse, è diventato fondamentale sotto diversi aspetti.

New Holland e Michelin: un’accoppiata vincente

E’ per queste ragioni che New Holland ha scelto gli pneumatici Michelin XeoBib, con tecnologia a bassa pressione Michelin Ultraflex, per equipaggiare i suoi trattori T6 e T7 che lavorano tutti i giorni nell’azienda agricola “La Bellotta”, ma anche i modelli top di gamma T8 e T9 per agricoltura su vasta scala.

Conservazione del suolo

Il suolo è il capitale più prezioso dell'agricoltore. I macchinari agricoli moderni, sempre più complessi e pesanti, possono facilmente affondare nei terreni morbidi e umidi. La compattazione che ne risulta danneggia la struttura del suolo, riducendo la circolazione dell'aria e dell'acqua. Le piante soffrono, riducendo le rese dei raccolti futuri.

Riduzione del consumo di carburante

La riduzione dei consumi dei trattori e delle macchine agricole, insieme all’incremento della loro durata operativa, consente di aumentare la redditività complessiva degli agricoltori. Prove comparate effettuate in campo da Michelin con la collaborazione di New Holland hanno evidenziato un risparmio di carburante del 15% con l’utilizzo di pneumatici agricoli dotati della tecnologia Michelin Ultraflex e con la pressione regolata a 0,7 bar.

Dalle nuove tecnologie, una risposta concreta ed efficace

Grazie a tecnologie esclusive ed innovative, gli pneumatici di nuova generazione possono sopportare carichi molto pesanti: anche a bassa pressione e a qualsiasi velocità di lavoro. Gli pneumatici dotati della tecnologia Michelin Ultraflex sono capaci di funzionare a pressioni più basse (nel rispetto delle raccomandazioni del costruttore). La grande capacità di flessione permette un'impronta al suolo molto più ampia con una conseguente migliore capacità di trazione per effetto della riduzione del pattinamento. Il risultato è una notevole riduzione dei tempi di lavoro, dei consumi di carburante e della compattazione del suolo.